31/01/2017

Lavoro in nero

lavoro-in-nero-le-regioni-con-sommerso

Lavoro in nero: le sanzioni scattano sia per il datore che per il lavoratore

In caso di lavoro in nero, le sanzioni non scattano solo per il datore, ma anche per il lavoratore. Quest’ultimo, infatti, qualora usufruisca del trattamento di disoccupazione ordinario subisce le conseguenze penali per l’attività non regolarizzata.

Oltre ad infliggere la maxisanzione prevista per il datore di lavoro, le autorità sono obbligate a segnalare il lavoratore occupato in nero alla Procura della Repubblica per “Falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico”. Il dipendente irregolare, infatti, risponde del fatto di aver dichiarato il proprio stato di disoccupato all’Inps.

La sanzione non è di poco conto: si rischia, infatti, la reclusione fino a 2 anni.

Inoltre, per aver indebitamente percepito erogazioni ai danni dello Stato, si rischia la reclusione da sei mesi a tre anni.

Non è tutto. A seguito dell’accertamento dell’illecito in capo al lavoratore, l’Inps chiederà a quest’ultimo la restituzione delle somme percepite indebitamente e, probabilmente, anche il risarcimento dei danni subiti.

Potrebbero interessarti

kaizen

Miglioramento continuo, la tecnica delle cinque S

Applicare un pensiero orientale, alla base del successo delle più grandi aziende giapponesi, per ottenere risultati nel settore pulizie. Il Dott. Perelli Rezi, Sociologo del lavoro e Dirigente dell’ Az. Pulitecno Multiservizi s.r.l. ci spiega come seguire ed applicare il metodo giapponese nelle imprese di pulizia. Com’è noto, la...

dae

DEFIBRILLATORI

DEFIBRILLATORI: NUOVA SCADENZA PER LE SOCIETA’ SPORTIVE Con la Legge 299 del 15/12/2016 viene definitivamente convertito il D.L. 189 del 16/10/2016 relativo agli “Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto 2016”, con il quale era stato prorogato il termine relativo all’entrata in vigore dell’obbligo...

foto5cpiscina_agriturismo_toscana_g-1024×683

PISCINE

ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA SULLE PISCINE Come stabilito dalla L.R. Toscana 84/2014, è scaduto il 31/12/2016 il termine ultimo per l’adeguamento della piscine, in esercizio al 20/03/2010, ai requisiti oggetto di deroga definitiva. Le Aziende che devono rispettare tale normativa sono: Alberghi; Strutture ricettive; Altre aziende in cui è presente...