29/01/2017

RESPONSABILITÀ DEL CONSULENTE ESTERNO

sanzione-generica

RESPONSABILITÀ DEL CONSULENTE ESTERNO NELLA PREDISPOSIZIONE DEL DVR

Sentenza della Cassazione Penale particolarmente interessante per i consulenti “esterni” che si occupano di valutazione dei rischi, collaborando con i datori di lavoro per redigere i documenti di valutazione dei rischi (DVR).

La Cassazione Penale, IV sezione:
– Condivide l’interpretazione “adottata dai giudici di merito in ordine alla configurabilità di una posizione di garanzia in capo al consulente alla cui collaborazione il datore di lavoro ricorra per eseguire la valutazione dei rischi connessi all’attività lavorativa”.

– Afferma che “tanto la dottrina che la giurisprudenza di legittimità ritengono che una posizione di garanzia -presupposto essenziale ancorché non esclusivo dell’imputazione di un evento illecito in forza della regola della ‘causalità equivalente’ di cui all’art. 40 cpv. cod. pen. – possa essere costituita oltre che dalla legge e più in generale da fonti di diritto pubblico, anche dal contratto”. In particolare il Consulente Esterno assunse su base contrattuale – ancorché priva di forma scritta – il compito di collaborare con il Datore di Lavoro nell’attività di risk assessment che esita nella redazione del documento di valutazione dei rischi.

– Pone in risalto che “la cornice normativa appena evocata é esattamente quella nella quale viene collocata l’attribuzione della responsabilità per un avvenuto infortunio al responsabile del servizio di prevenzione e protezione che abbia offerto o mancato di offrire ‘per colpa’ – ovvero per negligenza, imprudenza, imperizia o violando positive regole cautelari – al datore di lavoro un contributo nella elaborazione della valutazione dei rischi, quando dalle deficienze di questa imputabili al cooperatore sia derivato, secondo un rapporto di connessione eziologica, l’infortunio”.

– Ritiene “privo di pregio l’argomento difensivo della mancanza di conoscenza nel consulente dell’uso del mezzo d’opera presso la fattoria oggetto della consulenza” (informazioni che secondo la difesa non erano state trasmesse dal datore di lavoro al consulente) dato che il Consulente “effettuò una visita presso le varie sedi dell’azienda, venendo così a conoscere dell’unitarietà della gestione pur a fronte delle diverse intestazioni; che egli esaminò il trattore, già allora obsoleto e non dotato di essenziali ed obbligatori dispositivi di sicurezza quali il rollbar e le cinture di sicurezza, e ciò nonostante lo indicò come ‘in buone condizioni’, senza evidenziare che non era idoneo all’utilizzo su qualsiasi tipo di terreno. Puntualizzazioni che descrivono il pertinente bagaglio informativo in possesso del Consulente”.

 

Potrebbero interessarti

kaizen

Miglioramento continuo, la tecnica delle cinque S

Applicare un pensiero orientale, alla base del successo delle più grandi aziende giapponesi, per ottenere risultati nel settore pulizie. Il Dott. Perelli Rezi, Sociologo del lavoro e Dirigente dell’ Az. Pulitecno Multiservizi s.r.l. ci spiega come seguire ed applicare il metodo giapponese nelle imprese di pulizia. Com’è noto, la...

foto5cpiscina_agriturismo_toscana_g-1024×683

PISCINE

ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA SULLE PISCINE Come stabilito dalla L.R. Toscana 84/2014, è scaduto il 31/12/2016 il termine ultimo per l’adeguamento della piscine, in esercizio al 20/03/2010, ai requisiti oggetto di deroga definitiva. Le Aziende che devono rispettare tale normativa sono: Alberghi; Strutture ricettive; Altre aziende in cui è presente...

banner

Grande novità l’App di EPT Servizi

Con grande orgoglio siamo oggi a rendere noto che è possibile scaricare l’App di EPT Servizi da Google Play da questo link. L’App è uno strumento unico per la fruizione della nostra offerta servizi: chat dedicata con l’esperto promozioni da parte delle realtà che popolano il nostro network contenuti...